Marmellata di arance

L'arancione è il colore della felicità, dicono gli esperti di cromoterapia.
 L'ideale per combattere il grigiore e la   malinconia sempre in agguato  d'inverno.
Così, in questa stagione non mi faccio mai mancare, bene in  vista nella mia cucina, qualche zucca hokkaido (la conoscete? é una  varietà giapponese dalla buccia di un arancio squillante) e,  naturalmente, un cesto colmo di arance.
Questi frutti, che qualcuno ha  battezzato con lo stesso nome del colore (in realtà pare che  "arancia" venga dal sanscrito narang, gusto degli elefanti) mi sembrano   dei piccoli soli, come se la   natura avesse deciso di lasciarci un  ricordo estivo per le giornate più buie.
Ma a marzo le arance finiscono,  ecco perché ho deciso di imprigionare la loro allegra energia in  una marmellata.
Uso  frutti biologici, voglio andare sul sicuro  e, per non rischiare di  fare una conserva di pesticidi, mi procuro arance coltivate secondo  l'agricoltura biologica.
Ingredienti per 4 barattoli: 10 arance e 1 kg di zucchero.
di un  paio di arance.
Se non lo possedete, Con il rigalimoni prelevo le scorzette potete usare un pelapatate, poi  però bisogna tagliare le scorzette a strisce sottili.
Preparazione:   Eliminare completamente la pellicina bianca, l'albedo, perché rende amara la conserva, prelevare gli spicchi e raccogliere tutto il succo che  cola durante la lavorazione.
 Dopo averli pesati (il peso dovrà pareggiare quello   dello zucchero) mettere in una pentola polpa e succo e scaldare a fuoco  medio.
Scottare le scorzette in acqua bollente per un minuto, in  modo da togliere parte dell'olio essenziale che è  molto amaro.
Ma che  fa bene:  contiene sostanze  aromatiche, i terpeni, utili contro il colesterolo.
Una buona ragione, per includere la buccia nelle insalate di arance.
Aggiungere le  scorzette alla polpa e, quando tutto bolle, unire lo zucchero in pari peso dei frutti.
Ora lasciare cuocere a fuoco  basso, eliminando eventualmente la schiuma che si forma in superficie.
Passata mezz'ora cominciare a controllare la cottura.
Conoscete il trucco? Bisogna versare qualche goccia di marmellata su un  piatto freddo e osservare come si  comporta.
Se cola subito non è  pronta, deve risultare densa.
Spegnete il fuoco.
Prendete i vasetti sterilizzati ( fatti  bollire per qualche minuto).
Versare la marmellata calda fin  quasi all'orlo e chiudere con coperchi nuovi a vite.
Capovolgere i vasetti  in modo che il vuoto protegga la conserva dagli  eventuali batteri  esterni.
Dopo cinque minuti rigirarli [...]

Leggi tutto l'articolo