Marmellata e Xanax

marmellata e xanax Marmellata e Xanax, tanto per iniziare bene la settimana Ogni sera mi addormento nella speranza di svegliarmi il giorno dopo e sentirmi bene.
A volte è così ed a volte invece non proprio.
Soprattutto la notte tra domenica e lunedì infatti mi sento agitato e spesso dormo poco e mi giro e mi rigiro sul letto.
Durante il fine settimana infatti mi rilasso un po’.
Faccio lavori domestici, taglio l’erba del giardino e soprattutto cerco di fare delle belle passeggiate lungo l’argine del canale.
Cerco di immergermi nella natura il più possibile e di trovare la consapevolezza di dove mi trovo esattamente.
La domenica sera sono sempre un po’ triste, è come se la settimana lavorativa alle porte non mi permettesse di fare le cose che più mi piacciono.
Così, diciamo dalle 18.00 in poi di domenica comincio a turbarmi ed a pensare ed anticipare la settimana lavorativa.
Mi faccio paranoie mentali del tipo: domani devo fare questo, poi quello, devo incontrarmi con questo alle 9.00 e poi se mi viene un attacco di colite cosa faccio…etc.
Insomma, una bella dose di ansia anticipatoria si abbatte su di me.
Spesso mi sveglio di notte, devo fare pipì più spesso durante la notte ;( Al mattino seguente, ovviamente non avendo dormito bene ed abbastanza profondamente mi sento stanchissimo, svogliato e soprattutto agitato.
Ecco che riparte la tachicardia ed il respiro corto.
Così, sono costretto a rilassarmi, e come faccio? Ovvio, prendendo Xanax con la marmellata.
Si esatto, mentre mi preparo le fette biscottate con la marmellata mi preparo anche il bicchiere con 6/7 goccette di Xanax…magari mi bevo anche un bicchiere di camomilla con il limone.
Ma vi rendete conto? La gente si sveglia e beve il caffè, io camomilla e Xanax e marmellata.
Dio mio che fine!! Fortunatamente queste 6/7 gocce sembrano funzionare e mi calmano tenendo sotto controllo i sintomi fisici dell’ansia.
Quindi una bella doccia e via, sperando che tutto vada bene.
Poi arrivo in ufficio, e tutto procede tranquillamente, senza particolari intoppi.
Insomma non faccio un lavoro particolarmente difficile e non ho particolari pressioni.
Ma allora, perchè mi capita tutto questo?

Leggi tutto l'articolo