Matera è Capitale Europea della cultura: Lecce non la prende bene

Dalle prime impressioni  (quelle –diciamo così- a caldo) era parso che Lecce ed i leccesi non avessero preso molto bene la “sconfitta” : la nomina di Matera a Capitale Europea della Cultura ha immediatamente ricevuto, a stretto giro di web, i complimenti e le felicitazioni non solo delle migliaia e migliaia di materani e lucani ma anche da parte delle altre candidate: e così che Cagliari, Siena –queste due città più delle altre in verità-  Firenze – Assisi, Bergamo e Ravenna han espresso con sincerità i propri auguri a Matera.
Dopo qualche ora dal “verdetto” diamo conto dell’intervento di un parlamentare Leccese , Roberto Marti deputato di Forza Italia.
Vorremmo non commentare ma non si può non vedere nelle parole di Marti la eco di quelle che erano apparse tutto subito come le reazioni stizzite e, ca va sans dire, impregnate di delusione da parte della popolazione leccese.
Queste, comunque, le parole dell’Onorevole Marti: Ho vissuto accanto al sindaco Paolo Perrone il momento della proclamazione della città vincitrice del titolo di Capitale europea della Cultura 2019.
La sconfitta di Lecce mi ha amareggiato, deluso.
Ci speravamo tutti, fino all'ultimo, consapevoli del lavoro svolto e dei risultati raccolti.
Il senso di questa giornata deve essere proprio questo: abbiamo perso un titolo, ma non i frutti di una esperienza meravigliosa, senza precedenti.
L'aggregazione, la partecipazione, la condivisione e l'affettività che si sono create intorno a Lecce 2019 devono servirci per comprendere che è questa la strada da seguire per la crescita culturale della nostra città.
Una città che amiamo profondamente e per il cui sviluppo ognuno di noi deve continuare a dare il suo contributo.
Ringrazio il sindaco Paolo Perrone per averci coinvolto in questa avvincente sfida, per averci creduto fino all'ultimo momento; lo staff e tutta la cittadinanza.
Noi siamo comunque Lecce 2019 e lo resteremo, in virtù di ciò che abbiamo maturato: la consapevolezza del valore della nostra città e delle sue potenzialità.
Ripartiamo da qui.

Leggi tutto l'articolo