Matteo Salvini e il confronto con Barbara D'Urso sulla famiglia

Matteo Salvini, ospite di Barbara D’Urso a Domenica Live, ha espresso la sua opinione in merito alla questione della famiglia.
La presentatrice Mediaset ha introdotto l’argomento, che per sua ammissione le sta a cuore, perché il ministro dell’Interno parteciperà al Congresso mondiale delle Famiglie che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo.
Ma prima ancora che Barbara D’Urso potesse fare alcuna domanda, Salvini specifica che la famiglia è composta da madre, padre e figlio.
La presentatrice allora ne approfitta per osservare che esistono realtà, come le famiglie arcobaleno, che non rispecchiano la struttura definita tradizionale; riporta l’esempio del papà omosessuale che ha adottato un bambino disabile, rifiutato dalle coppie eterosessuali.
Salvini chiarisce che non intende, in quanto ministro, disfare queste realtà, ma la sua battaglia è contro l’utero in affitto, che ritiene “una schifezza”.
Aggiunge inoltre che si batterà per ridurre i tempi e la burocrazia per facilitare le adozioni, e conclude dicendo: “Se uno vuole far l’amore fra due uomini o fra due donne, è affar suo”.
Barbara D’Urso ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera, in cui ha ribadito la sua opinione in merito al concetto di famiglia.
“La famiglia è dove c’è l’amore“, ha detto la presentatrice.
E alla domanda sulle risposte di Salvini, orientate a compiacere il suo elettorato, risponde così: “Non lo so, non sono nella sua testa, però penso che Salvini sia un politico che fa quello che pensa.
Io gli ho chiesto delle famiglie arcobaleno perché al Congresso di Verona parteciperà gente che pensa che l’omosessualità sia satanismo, non ce la faccio a sentire certe cose”.