Mattis, truppe Usa escluse da Trump-Kim

(ANSA) – PECHINO, 2 GIU – Gli Usa non stanno negoziando con la Corea del Nord il futuro della presenza delle truppe americane nella penisola, a 10 giorni dallo storico summit di Singapore tra i leader dei due Paesi, Donald Trump e Kim Jong-un.
Il capo del Pentagono Jim Mattis ha assicurato che i 28.500 soldati presenti in Corea del Sud “non sono sul tavolo qui a Singapore il 12 giugno, non devono esserci”, parlando in occasione dello Shangri-La Dialogue, in corso nella Stato/isola, dedicato alle tematiche sulla sicurezza in Asia.
Trump, dopo aver ricevuto ieri alla Casa Bianca l’inviato nordcoreano Kim Yong-chol che gli ha consegnato una lettera personale del leader, ha affermato che nel vertice sarà discussa, tra gli altri temi in agenda, anche la fine della Guerra di Corea (1950-53), chiusa con l’armistizio e non con un vero e proprio trattato di pace.
Il Nord ha lamentato a lungo che anche i militari americani sono uno degli ostacoli sul percorso della pace regionale e della riunificazione della penisola.