Medicina: 'effetto-Mozart' contro l'epilessia, musica puГІ prevenire crisi

Milano, 10 ago.
(AdnKronos Salute) - Ascoltare musica classica o jazz puГІ aiutare chi soffre di epilessia a prevenire nuove crisi.
A svelare un 'effetto-Mozart' che potrebbe accompagnarsi alla terapia farmacologica per controllare meglio la malattia ГЁ uno studio presentato a Toronto, in Canada, al 123esimo Congresso annuale dell'American Psychological Association.
La ricerca, illustrata dalla neurologa Christine Charyton delll'Ohio State University Wexner Medical Center, evidenzia che il cervello delle persone colpite da epilessia reagisce alle note in modo diverso rispetto a quello di chi non presenta la patologia, sincronizzando maggiormente le proprie onde a quelle dalla musica.
Quest'ultima "non puГІ rimpiazzare i medicinali antiepilettici", avverte Charyton, convinta perГІ che "la musica potrebbe rappresentare un nuovo intervento volto a scongiurare le crisi dei malati".
Nell'80% dei casi l'epilessia colpisce nella forma 'lobo temporale'.
Le crisi tipiche della patologia, cioГЁ, nascono proprio in questa zona del cervello.
PoichГ© a livello cerebrale la musica viene elaborata nella stessa regione, all'interno della corteccia auditoria, Charyton e colleghi hanno pensato di studiare l'effetto delle note sul cervello dei pazienti.
Il lavoro ha riguardato 21 persone con epilessia, monitorate dal centro statunitense da settembre 2012 a maggio 2014.
Attraverso l'elettroencefalogramma, gli scienziati hanno registrato l'attivitГ cerebrale dei partecipanti esposti a un'alternanza fra silenzio e musica: 10 minuti di silenzio, seguiti da un brano di Mozart o del jazzista John Coltrane, altri 10 minuti di silenzio, ancora musica (di Mozart per chi aveva ascoltato jazz, di jazz per chi aveva sentito Mozart), e gli ultimi 10 minuti di silenzio.
L'attivitГ cerebrale dei pazienti ГЁ risultata molto piГ№ alta durante l'ascolto musicale.
Cosa ancora piГ№ importante, evidenzia Charyton, ГЁ che le onde cerebrali di chi soffre di epilessia si sono sincronizzate con quelle della musica in modo maggiore che nei sani, specie a livello del lobo temporale.
"Siamo rimasti sorpresi da quanto osservato - conclude la studiosa - Avevamo ipotizzato che la musica venisse processata nel cervello in modo diverso rispetto al silenzio, ma ancora sapevamo se ciГІ valesse anche nelle persone con epilessia".
Best slots to play at choctaw casinoHow to finger yourself demonstration videoOrigami transformers instructionsWomen being chloroformed before having haircutDownload gambar orang barat ngentotCerita seru anal ibu2 paruh [...]

Leggi tutto l'articolo