Memorie visive di un paralume: l'uomo che se ne è andato

Ho preso e in meno di mezz’ora me ne ero già andato.
Ho sentito dire che mi cercheranno, mi chiameranno per parecchio, come si fa con quello che non si trova.
C’è, mi hanno detto, chi invoca la barba bianca di San Antonio, per trovare quello che manca.
Ma con me non funzionerà.
Sono andato ben oltre il confine del ricercabile.
Un po’ controvoglia, un po’ non potevo fare altrimenti.
Mi piaceva la montagna, quel pezzo solo mio con una casa piccola in mezzo.
Ci ho messo anni per farla come volevo io, a dirla tutta ci ho messo una vita intera.
Era la cosa più bella che avessi, dopo mia moglie il miei figli e il mio motorino.
Altro non serviva.
Però me ne sono andato lo stesso, senza chiedere permesso.
A chi mi cerca dico, sapete dove trovarmi se solo ci pensate.
Ma tanto fino a qui non potrete arrivare se non a tempo debito.
Le cose stanno così, quando uno se ne va il luogo dove stava prima diventa quasi un ricordo lontanissimo, perde interesse, non è questione di mancanza di affetto o ingratitudine.
Proprio, non viene naturale pensarci.
Vi capisco, ma non è il caso di struggersi per molto.
In migliaia hanno studiato il problema delle partenze, se di problema si tratta.
Si è capita solo una cosa: che si parte e basta, ma non si sa quando si arriva.
Non male dopotutto, il solo difetto che sono stati capaci di trovare, e giustamente, è la partenza precoce, quella che lascia uno strascico davvero esagerato, ingiusto, possiamo ben dire.
C’è gente giovane, se ne va e non torna.
Ci sono molti ragazzini, ma anche giovani uomini e donne che partono e non tornano.
Se tutti fossero soli, allora dove starebbe il problema? Invece, siamo tutti legati bene o male ad altri come noi, che devono ancora crescere, che hanno sempre bisogno di noi, almeno per molto ancora.
E allora, ecco che partire così, tanto in fretta e subito, non fa bene.
Non fa bene a nessuno, nemmeno a chi il viaggio lo aveva organizzato.
Ecco, se si potesse migliorare questo aspetto, saremmo tutti più felici.

Leggi tutto l'articolo