Mentana-Mediaset, è rottura E l'azienda sospende "Matrix"

Il giornalista lascia: «Su Canale 5  il dramma è quello della cacciata di una ragazza dal Grande Fratello» E il Tg5 proclama uno sciopero MILANO È rottura tra Enrico Mentana e Mediaset dopo l’annuncio delle dimissioni, pare in realtà mai formalizzate e comunque subito accettate, del giornalista che non aveva avuto ieri, sull’onda della notizia della morte di Eluana Englaro, l’ok dall’azienda per spostarsi dalla seconda alla prima serata con un’edizione straordinaria di Matrix scalzando il Grande Fratello.
Solidarietà da colleghi Rai come Vespa, Minoli, Floris, dalla Federazione della stampa, da molti politici e soprattutto dalle redazioni di Tg5 e Videonews che al termine di un’assemblea oggi pomeriggio hanno proclamato lo stato di agitazione e un giorno di sciopero per martedì 17 febbraio.
La dinamica della vicenda, annuncio di dimissioni «da direttore editoriale» a botta calda, accettazione di queste e sospensione di Matrix in tempi record e senza spiragli di trattative da parte di Mediaset, non è passata inosservata.
Subito si sono rincorse le voci sui retroscena, tutte senza conferme: dal diktat politico contro un programma che ha più volte dato ribalta televisiva al leader Idv Antonio Di Pietro, avversario tra i più implacabili del premier Berlusconi, alle trattative per un clamoroso passaggio di Mentana a Sky (a quanto si apprende, prive di fondamento) all’ipotesi di una poltrona importante in Rai nel giro di nomine dopo la formazione del nuovo cda.
O più semplicemente l’epilogo di rapporti incrinati da tempo con segnali di insofferenza di Mentana anche per la concorrenza interna di Chiambretti Night e Mai dire Grande Fratello.
Mentana, dopo la sfuriata di ieri, oggi ha scelto il silenzio, mancando anche l’invito di Piero Chiambretti per un collegamento telefonico a Chiambretti Night, che stasera su Italia 1 si occupa della vicenda.
Mediaset invece si è fatta sentire: in mattinata ribadendo di aver accettato le dimissioni da direttore respingendo «tutte le sue motivazioni», nel pomeriggio precisando che «è stato proprio Mentana che si è messo fuori dall’azienda rompendo pubblicamente e platealmente il rapporto fiduciario.
Valuteremo nei prossimi giorni - ha detto Mauro Crippa, direttore generale informazione Mediaset - le modalità di prosecuzione dell’esperienza di Matrix.
Un editore ha il dovere di tenere in vita i propri marchi anche al di là delle vicende personali».
Intanto però il logo rosso di Matrix è già stato smantellato dallo studio del programma al centro di [...]

Leggi tutto l'articolo