Mentre Steve Vai mi suona La quinta di Beethoven io mi leggo il caro Charles...ancora ed ancora..

CROCIFISSO NEL PUNTO DI UN MORTOsì, cominciano tra i salici, direi,i monti inamidati cominciano tra i salicie vanno via così senza badarené ai puma né alle peschechissà comequesti monti somigliano a una vecchiacon poca memoria e una sporta per la spesa.siamo in una conca.
eccol'idea.
giù nella sabbia e tra i vicoli,questa terra trafitta, percossa, divisa,stretta come un crocifisso nel pugno d'un morto,questa terra comprata, rivenduta, ricompratae ancora venduta, le guerre finite da un pezzo,tornati gli spagnoli nella Spagna lontanasempre nel bussolotto, e adessoagenti immobiliari, lottizzatori, proprietari terrieri, costruttoridi autostrade che discutono.
questa è la loro terrae io ci cammino sopra, ci vivo per un po'qui dalle parti di Hollywood vedo giovani nelle stanzeche ascoltano vitree registrazionie penso anche ai vecchi stanchi di musicastanchi di tutto, e la morte come suicidiocredo siaqualche volta volontaria, e per avere un pungo d'appoggioqui sulla terra è meglio ritornareal Grand Central Market, vedere le vecchie messicane,i poveri...
sono certo che hai visto queste stesse donne molti anniprimadiscuterecon gli stessi giovani impiegati giapponesispiritosi, intelligenti e doratitra i loro mucchi di arance, di mele,avocado, pomodori, cetrioli -e sai che aspetto hanno, hanno davvero un bellissimo aspettoti sembra che potresti mangiarteli tuttiaccendere un sigaro e, col fumo disfarti del mondo cattivo.poi è meglio tornare nei bar, gli stessi barlignei, verdi, spietati, stantiicol giovane poliziotto di passaggioterrorizzato e in cerca di guaie la birra è sempre cattivaha un sapore che si confonde già col vomitoe la putrefazione, devi farti forza tra le ombreper ignorarlo, ignorare i poveri e te stessoe la borsa della spesa che tieni tra le gambebella piena di avocado, arance e pesce frescoe bottiglie di vino, chi ha bisogno di un invernocome quelli di Ford Lauderdale?25 anni fa c'era sempre una battonacon una membrana su un occhio, che era troppo grassae faceva campanule d'argento con la stagnoladelle sigarette.
allora il sole sembrava più caldoanche se forse non era affatto veroe tu porti fuori la borsadella spesa e cammini per la stradae la birra verde ti resta là sospesaproprio sopra lo stomaco comeuno scialle corto e vergognoso,e tiguardi intorno e non vedipiùvecchi.......Come si può vivere senza essere mai stati dissetati dalle sue parole??mi è venuta fame...stasera Hot dogBaci a voi...

Leggi tutto l'articolo