Menzogne mondialiste: Le Nazioni Unite pronte a diffondere un documento sull'aggressione israeliana al Libano infarcito di falsità

Menzogne mondialiste: Le nazioni Unite pronte a diffondere un documento sull’aggressione israeliana al Libano infarcito di falsità.
  dal nostro inviato Dagoberto Husayn Bellucci - direttore responsabile Agenzia di Stampa "Islam Italia" da Haret Hreik, Beirut sud Scenari vicino-orientali: da un lato la Repubblica Islamica dell'Iran nel mirino dell'AIEA per il suo programma di arricchimento dell'uranio a fini civili, dall'altro la Repubblica Araba Siriana sempre piu' al centro delle "attenzioni" dell'amministrazione statunitense e delle "provocatorie" investigazioni giudiziarie onusiane.
Dopo l'aggressione sionista al Libano e le quotidiane mattanze di civili perpetrate dall'Entita' Criminale contro l'eroico popolo palestinese ad aggiungere nuovi veleni nel perimetro geopolitico vicino-orientale ci pensano le Nazioni Unite che stanno preparando un dossier sul conflitto di luglio.
Un dossier che, confermando la parzialita' 'storica' dell'assise mondialista per eccellenza 'annidata' ai piani "alti" del Palazzo di Vetro di Jew York, alimentera' nuove polemiche nella vita politica del paese dei cedri.
Il documento in questione, di cui sono filtrate diverse indiscrezioni, ovviamente - rispettando un "copione" peraltro 'noto' - accusa la Resistenza ed Hizb'Allah di aver intenzionalmente scatenato il conflitto che per trentaquattro giorni a messo a ferro e fuoco il Libano.
E, cazzata su cazzata, si inventa di fantomatici miliziani somali accorsi a combattere nel sud Libano al lato di Hizb'Allah.
Inutile sarebbe perfino commentare ne' varrebbe la pena di prendere sul serio questo genere di menzogne che si assommano a quelle 'giunte' dalla capitale argentina una settimana or sono (contro l'Iran) e a quelle mondialiste "confezionate" contro Damasco all'indomani dell'attentato che il 14 febbraio di un anno fa spense la vita dell'ex premier libanese Rafiq Hariri.
Tant'e' all'Onu evidentemente non hanno di meglio da fare o nient'altro di cui occuparsi.
Il dossier dicevamo.
In questo documento dunque si s-parlerebbe di 700 miliziani somali che sarebbero stati "visti" (....i mercenari kippizzati della Golani non son riusciti a vedere neanche mezzo combattente della Resistenza libanese...figuriamoci come i "funzionari" Onu siano riusciti a "vedere" addirittura settecento miliziani somali!...) combattere al fianco della Resistenza durante l'aggressione sionista.
A parte il fatto che la Resistenza e' composta esclusivamente da combattenti libanesi; a parte che non solo Hizb'Allah ha schierato in armi i suoi per opporsi alla furia [...]

Leggi tutto l'articolo