Meteo: temporali sul Nordovest e Appennini, maggiori spazi sereni altrove

Una maggiore variabilità interessa la penisola italiana, com nubi sospinte da una depressione in discesa dall’Inghilterra verso sud est, in successiva evoluzione già nella giornata odierna, martedì 16 aprile, verso la penisola iberica.
Come ci conferma Mario Giuliacci, meteorologo di www.meteogiuliacci.it, avremo quindi ampi spazi sereni fin dalle prime ore quasi dappertutto, in particolar modo sul versante adriatico, al meridione e sulle aree nord orientali.
Le nubi tenderanno però ad aumentare gradualmente nel corso della giornata sui settori occidentali, quindi dal versante tirrenico e dalla Sardegna, con dei piovaschi sparsi irregolari che coinvolgeranno anche alcuni settori di pianura di Piemonte e Lombardia, con ancora possibili nevicate sulle Alpi occidentali oltre i 1800 metri.
Addensamenti che viaggeranno sempre più verso est e nel corso del pomeriggio sera accenderanno una locale variabilità lungo l’Appennino, da nord a sud, sin verso la Calabria e la Basilicata, ove arriveranno rovesci di pioggia e temporali qui un po’ più convinti.
Non esclusi possibili piovaschi anche sul Salento e sui versanti ionici; condizioni invece nel complesso stabili per l’intera giornata sulla Puglia e sulle aree Adriatiche in generale.
La perturbazione si sposterà lentamente verso la Spagna meridionale e da qui raggiungerà successivamente il Marocco abbandonando definitivamente il cuore del Mediterraneo.
Per la settimana santa quindi tornerà a splendere il sole grazie al dominio dell'alta pressione, ma qualche addensamento non sarà comunque escluso su gran parte d'Italia per Pasqua e Pasquetta anche se di fatto non porteranno piogge significative.
Le temperature si disporranno poco oltre la norma, senza segnalare particolari eccessi di caldo.

Leggi tutto l'articolo