Microrganismi contro l'inquinamento

(ANSA) - CAGLIARI, 27 OTT - Risanamento ambientale con microrganismi: batteri che possono portare via dai luoghi contaminati anche petrolio e scarti delle miniere.
Ricercatori dell'Università di Cagliari all'avanguardia: i gruppi guidati da Elena Tamburini (docente di Microbiologia generale, dipartimento Scienze biomediche) e da Alessandra Carucci (pro rettore Internazionalizzazione, dipartimento Ingegneria civile, ambientale e architettura) sono stati inseriti nella best list in corsa per i "Sette Green Awards", riconoscimento dedicato ai centri nazionali di eccellenza impegnati nell'innovazione sostenibile.
Un altro progetto importante si chiama MapMed, finanziato con 2 milioni e 300 mila euro da Enpi-CbcMed.
È seguito in tandem dagli staff Tamburini-Carucci, si occupa di gestione sostenibile dei porti turistici del Mediterraneo con riguardo agli inquinamenti da idrocarburi.
Cagliari è ateneo capofila: gli altri partner sono l'Università di Firenze, la Regione Sardegna (Agenzia distretto idrografico), l'Hellenic center for marine research di Creta (Grecia), gli atenei di Alessandria (Egitto) e Tunisi (Tunisia).
C'è anche BioLanClean - finanziato dall'Università di Cagliari nell'ambito di InnovaRe - un altro progetto seguito dagli specialisti dell'ateneo del capoluogo apprezzato a livello internazionale.
Finalizzato all'impiego di pura lana vergine di pecore sarde è teso allo sviluppo di prodotti in grado di assorbire e biodegradare gli idrocarburi in mare.
Ha un budget di centomila euro e si attua in collaborazione con l'azeinda Edilana di Guspini.
(ANSA).

Leggi tutto l'articolo