Migranti, Bologna-Lampedusa per 'patto'

(ANSA) – BOLOGNA, 22 MAR – Parte da Bologna l’iniziativa per invitare i sindaci italiani a costruire canali di immigrazione regolari e aderire al ‘Global Migration Compact’, patto non vincolante tra i Paesi Onu che l’Italia non ha firmato, per gestire i flussi migratori.
Sarà un grande convegno e lo hanno lanciato oggi il sindaco bolognese Virginio Merola e quello di Lampedusa e Linosa, Totò Martello, partecipando a un incontro sulla protezione internazionale dei rifugiati organizzato dal Comune e dall’ateneo di Bologna.
“Siamo convinti – hanno detto – che sia necessario sviluppare patti di collaborazione tra città, a iniziare da quelle del Mediterraneo, con l’obiettivo di sviluppare rapporti economici, commerciali e culturali.
Serve concreta integrazione e servono canali di immigrazione legali, ordinati e sicuri da proporre ai rispettivi governi nazionali.
Proprio in questo senso – hanno concluso – è importante diffondere e radicare i principi del Global Compact e il nostro impegno va esattamente in questo senso”.