Migranti, il pm inchioda la ong tedesca: "Contatti coi trafficanti"

Sergio Rame - Mer, 02/08/2017 - 23:29 Il Giornale  "Ci sono gravi indizi di colpevolezza".
Il procuratore aggiunto di Trapani Ambrogio Cartosio fa luce sul sequestro della nave "Iuventa" e mette sul tavolo le accuse mosse dalla procura alla ong tedesca "Jugend Rettet".
Si parla di "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina".
Un reato commesso dall'equipaggio che si trova a bordo della "Iuventa".
Nel dossier reso pubblico oggi ci sono "gravi indizi di contatti con i trafficanti" da parte dell'equipaggio.
"Non possiamo guardare in faccia nessuno - tuona il magistrato - è una indagine delicata che ci rendiamo conto può essere oggetto di strumentalizzazioni, rischio che non può frenare le indagini".Al momento non ci sono indagati.
Ma, a detta del pm Cartosio, c'è il serio pericolo della reiterazione del reato.
"E poi - spiega - ricorre il caso in cui la legislazione speciale prevede la confisca del mezzo che interviene in caso di condanna dei proprietari e que...

Leggi tutto l'articolo