Migranti pagati 3 euro l'ora,due arresti

(ANSA) – LESINA (FOGGIA), 14 NOV – Ogni mattina, all’alba, prelevavano cinque migranti da un accampamento abusivo nelle campagne di Lesina per accompagnarli, a bordo di un furgone con targa bulgara, in un’azienda in provincia di Chieti, a Cupello, dove i braccianti venivano impiegati nella raccolta di olive, uva e ortaggi, con la paga di tre euro l’ora.
Per questo i due autisti del furgone, marito e moglie rumeni di 46 e 32 anni, sono stati arrestati in flagranza di reato dai carabinieri con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.
Ai tre responsabili dell’azienda agricola di Cupello, che sono stati denunciati, i militari hanno contestato la violazione delle normative sul lavoro.
Dalle indagini è emerso che i braccianti africani, tutti irregolari, venivano impiegati in violazione di ogni normativa sul lavoro, sia sulla sicurezza sia su orari e retribuzione.
Nel casolare, inoltre, i braccianti vivevano in condizioni di degrado, senza energia elettrica, acqua corrente né servizi igienici.