Milan al lavoro per il lifting di gennaio: nel mirino Ranocchia e Zuniga, Boateng spera

l Milan pensa già al calciomercato di gennaio, due i nomi più caldi: il 'cugino' Ranocchia e Zuniga del Napoli.
Probabile anche il ritorno ufficiale di Boateng.
Il Milan cala il tris, o almeno ci prova.
Dopo il pessimo inizio di stagione,che ricorda in modo sinistro da vicino il finale di quella scorsa, i rossoneri infatti sarebbero già al lavoro per correre ai ripari sul mercato di gennaio.
Secondo quanto riporta 'Tuttosport'  sono almeno tre i colpi nella canna di Galliani che, ad oggi, starebbe pensando di regalare a Mihajlovic un difensore centrale, un esterno e un jolly di centrocampo.
Per quanto riguarda il primo, come risaputo, l'obiettivo numero uno ormai da settimane è sempre il cuginoRanocchia chiuso da Miranda, Murillo e dall'esplosione del cileno Medel.
L'Inter, dal canto suo, non avrebbe però intenzione di cedere il giocatore proprio al Milan a meno che i rossoneri non mettano sul piatto un'offerta di quelle irrinunciabili sbaragliando la concorrenza dei club di Premier League.
Il nome nuovo dalle parti di Milanello, invece, è quello di Juan Camilo Zuniga.
Il colombiano, ormai completamente recuperato, continua ad allenarsi con il Napoli ma non rientra nei piani di Sarri e del club azzurro che sarebbe quindi ben felice di liberarsi del pesante ingaggio da 3,2 milioni netti a stagione.
Ingaggio fuori portata anche per il Diavolo.
Infine, ovviamente, c'è la carta Boateng.
Il ghanese, infatti, si allena già da giorni con i suoi ex compagni e da qui a gennaio cercherà di convincere Mihajlovic a regalargli una seconda occasione in rossonero.
Il suo arrivo, d'altronde, consentirebbe probabilmente al tecnico di schierare il Milan con l'amato 4-3-1-2 in cui Boateng occuperebbe proprio la posizione di trequartista attualmente vacante.
Prima, però, il giocatore dovrà ovviamente svincolarsi dallo Schalke 04, club con il quale è comunque legato solo formalmente.
La sensazione, insomma, è che l'affare sia praticamente cosa fatta.
Mihajlovic permettendo.

Leggi tutto l'articolo