Milano, la cocaina delle showgirl «Era tua». «No, mai sniffato»

Verbali - L’inchiesta che ha portato alla chiusura della discoteca Hollywood.
Yespica, Fabiani, Lessa, Belen: gli scambi di accuse sulla droga   Fernanda Lessa MILANO - La modella Fernanda Lessa ricorda con certezza «di aver consumato cocaina anche insieme ad Alessia Fabiani e a Donatella Taranto».
L’ex letterina di Passaparola, Francesca Lodo, racconta: «Ho consumato cocaina nel bagno del privé dell’Hollywood con Pietro Tavallini e ricordo che c’era anche Belen Rodriguez, anche se non sono certa del fatto che l’abbia consumata pure lei».
La Belen, però, aggiunge particolari diversi: «Ho fatto uso di cocaina insieme a Francesca Lodo, a casa sua, solo due volte nei primi giorni di gennaio 2007.
In entrambe le occasioni la droga me l’ha data Francesca.
Lei mi invitava spesso ad andare nei bagni dell’Hollywood, le domeniche sera...
ma io non la seguivo perché temevo l’effetto della cocaina ».
È la primavera del 2007 quando le showgirl protagoniste delle notti di Milano vengono convocate, una dopo l’altra, dal pm Frank Di Maio.
Le ragazze raccontano, in parte ammettono, spiegano in compagnia di chi abbiano «pippato ».
Tre anni dopo, a inchiesta chiusa, le loro ricostruzioni dei fatti sono esplose.
L’una contro l’altra.
Francesca Lodo che ha annunciato una querela contro l’(ex?) amica, Belen.
E la stessa Belen che, a sentire le parole del sindaco di Sanremo, Maurizio Zoccarato, rischia di non poter più condurre il Festival.
L’archiviazione Tutte, sia chi ha ammesso di aver sniffato tanto o poco (Lodo, Fabiani, Lessa, Rodriguez), sia chi è stata chiamata in causa da altri (Aida Yespica, o Elisabetta Canalis, del cui consumo di cocaina ha parlato la modella francese Karima Menad), hanno scelto il silenzio.
Vuole invece spiegare e parlare Ana Laura Ribas: «Non ho mai usato cocaina, già tre anni fa (all’epoca dell’inchiesta «Vallettopoli», ndr) la mia vita è stata rovinata, ho sofferto come persona e ho avuto enormi problemi sul lavoro— spiega al telefono — In tutto questo tempo ho lavorato per tornare a essere quella di sempre e recuperare la mia immagine.
Non posso ricominciare a pagare adesso».
Il suo racconto è collegato a quello che disse al magistrato, il 5 aprile del 2007.
Un verbale di poche righe, in cui ripete di continuo: «Non ho mai usato sostanze», «Confermo di non aver mai fatto uso», «Non ho mai visto nessuno» sniffare nel privé dell’Hollywood.
All’epoca non venne ritenuta credibile.
Entrata a palazzo di giustizia da testimone, si ritrovò indagata per [...]

Leggi tutto l'articolo