Mirano vs Leoncino

Altra prova di forza dei Leoni, che senza Tami e Francy, impegnati nella vittoriosa trasferta di Marcon degli under 13, si sbarazzano del Mirano, schierato ottimamente in campo dall’allenatore avversario, per 80 a 26.
Coach E fa scendere in campo nel primo quarto Kedir, Vito, Lazza, Andrea e l’esordiente Massimiliano.
I ragazzi partono contratti, forse temendo l’assenza del duo “meraviglia” Nash & Lebron, Massi è evidentemente emozionato, segna il primo canestro dell’incontro, ma poi lascia spazio al meno agile avversario, Kedir e Vito si ostinano a palleggiare  non servendo velocemente Lazza e Andrea che si liberano ai lati;  la difesa è approssimativa, la palla gira lentamente e neanche il time out di Eugenio fa cambiare la situazione; il quarto arranca in parità sino al canestro del vantaggio siglato da Lazza con una bella penetrazione al suono della sirena  10 a 8.
Il secondo quarto inizia con Checco, Ale, Paso, Davide e Petralia e la musica non cambia, il gioco non è fluido, qualche errore di troppo causato dalla fisicità degli avversari e dei canestri concessi con troppa facilità; Eugenio, visibilmente contrariato, chiama dopo 3 minuti l’ennesimo time out ricordando ai ragazzi che le assenze non sono un alibi e che bisogna tirare fuori gli attributi per dimostrare che si vince di  squadra e che tutti sono utili alla causa.
Magicamente il quintetto ritorna in campo con una ritrovata energia, serra le file della difesa e incomincia a macinare bei canestri; Ale giganteggia e segna 12 punti, Checco e Paso  lo assecondano, Davide conduce il gioco mentre Petralia stranamente litiga con il canestro ma il parziale dice 22 a 8.
Il terzo tempo vede in campo Lazza, Davide, Seba, Massi e Berton; Lazza recupera palloni su palloni, Berton prosegue il momento magico in fase di realizzazione, Davidino detta i tempi del gioco e Massi si destreggia sotto le plance, anche se sbaglia dei tiri facili; gli avversari non hanno  più le forze per contrastare i Leoni, Davide esce per mal di testa lasciando spazio a Kedir e il quarto finisce  16 a 6.
Ultimo quarto con Ale, Checco, Vito, Chirico e Paso, gli avversari alzano bandiera bianca, il gioco è spumeggiante, Andrea si sblocca con 8 bei punti, Ale è un carro armato, Vito Checco e Paso, confezionano ottimi canestri e il vantaggio si dilata ulteriormente; Eugenio concorda con il coach del Mirano dei cambi, la panchina in piedi tributa i meritati applausi a Checco e Andrea ed entrano Petralia e Berton che contribuiscono a rimpinguare il punteggio, Paso, piedi per [...]

Leggi tutto l'articolo