Miriana Trevisan e Non è la Rai: «C'era antagonismo, senza lealtà. Eravamo impreparate alla vita»

"E' stata un po' come una fiaba, perché in realtà era tutto irreale. E' stato un momento magico, particolare, un po' ne soffrivo perché mi sentivo amata da tutti ma in realtà da nessuno, a tratti mi sentivo una regina, a tratti no”, Miriana Trevisan è stata una delle protagoniste di “Non è la Rai” e per lei è stato naturalmente un periodo particolare: “E' stato comunque un momento esaltante, divertente, ho capito da giovanissima che questo lavoro mi piaceva molto. E' stato bello. Una cosa eclatante, strana. Io ho fatto quel programma dai 17 ai 19 anni più o meno”.
Elisa Isoardi, "dedica" a Salvini: «Con Matteo è finita, ma è stata la storia più seria della mia vita»
Tra le ragazze c’era competizione: “Tra noi ragazze c'era antagonismo – ha fatto sapere in un’intervista sulle frequenze di Rai Radio2 nel corso del programma "I Lunatici", condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio - eravamo impreparate alla vita, tra di noi non c'era lealtà. Ma eravamo giovani, in un frullatore, un...

Leggi tutto l'articolo