Mitsubishi valuta nuove accuse a Ghosn

(ANSA) – TOKYO, 18 GEN – La Mitsubishi Motors ha convocato una riunione del consiglio di amministrazione per esaminare nuove accuse di compensi non dichiarati contro l’ex presidente del gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi Carlos Ghosn.
L’indagine ruota intorno a 7.8 milioni di euro versati a Ghosn lo scorso anno nell’ ambito della joint venture paritetica stretta tra Nissan e Mitsubishi nel 2017 ad Amsterdam, transazione di cui erano al corrente solo Ghosn e un pugno di persone a lui vicine, secondo quanto riferito dal direttore esecutivo della Mitsubishi Osamu Masuko dopo la riunione.
Il versamento è emerso da indagini svolte da Nissan e Mitsubishi a partire dallo scorso anno.
Anche la Nissan ha diffuso una nota a questo proposito.
Non risulta tuttavia che la nuova accusa sia stata formalizzata.
Masuko e il direttore esecutivo della Nissan Hiroto Saikawa erano all’epoca dei fatti direttori della joint ventures insieme a Ghos, ma nessuno dei due sapeva nulla dei compensi di Ghosn, nè aveva ricevuto alcun compenso per quell’incarico.