Moglie schiava del marito, chiusa in uno scantinato e stuprata anche dai cognati per 4 euro

Violentata per anni dal marito e dai suoi fratelli. Una donna era stata ridotta alla condizione di schiavitù dall'uomo che avrebbe dovuta amarla: era segregata in uno scantinato dove veniva violentata dallo stesso marito e dai fratelli di lui che lo pagavano per fare sesso con la consorte. I fatti si sono svolti in piccolo villaggio di Parszczyce nel Voivodato di Pomerania, nel nord della Polonia in un arco di tempo che va dal 2006 al 2019.
Oggi il marito è stato condannato a 25 anni di carcere, come riporta anche il Daily Mail. La donna è stata picchiata e violentata ripetuamente dal marito, lasciata sola a lungo con poco cibo, costretta a mangiare con le mani legate e in ginocchio, imprigionata in una cantina fredda e buia, in cui le è stata negata la possibilità di prendersi cura della sua igiene personale. Come se non bastasse il marito lasciava che i suoi fratelli entrassero nello scantinato quando volevano e abusassero di lei pagandogli 4 euro a prestazione, insieme ad altri a...

Leggi tutto l'articolo