Mondi ultra terreni e visioni new age

C’era un impressionante silenzio nella chiesuola del collegio confinata sull’angolo estremo dell’edificio dove iniziava il grande orto coltivato da Sante, il rude ortolano dalla faccia lunga e scavata.
Credo che iniziò lì dentro il mio preteso ‘ateismo’: da quel silenzio assoluto che lasciava vagare nel vuoto della navata le preghiere che recitavo con grande pathos; e nessuno le raccoglieva, però, e nessuna risposta veniva da quel Dio misterioso e aereo circondato da santi e beati incessantemente salmodianti – e ancora nessuno, dopo tanti anni di vita vissuta, ha saputo spiegarmi in modo credibile come esitano le sue/loro di preghiere e quali echi ne hanno avuto e come facciano a ritenere quel vuoto e quel silenzio una risposta soddisfacente e capace di giustificare la loro ‘fede’.E il secondo riscontro dubbioso e scettico lo ebbi ascoltando un coro delle voci bianche, molti anni più tardi e già quasi fuori della soglia dell’adolescenza, e osservavo quelle bocche fanciulle modellarsi s...

Leggi tutto l'articolo