Morgan ringrazia Vittorio Sgarbi: «Ha colto il problema». E ora offre casa a altri artisti sfrattati

Non c'è pace per alcuni artisti e soprattutto non c'è casa. Dopo lo sfratto di Morgan dalla sua casa-museo di Monza per la quale Vittorio Sgarbi chiede al Governo di apporre un vincolo, tocca agli attori Antonio Rezza e Flavia Mastrella che dal 1985 gestivano un laboratorio teatrale nel palazzo dell'ex Divina Provvidenza a Nettuno, su cui pende adesso un'ordinanza di sgombero. Anche a loro Vittorio Sgarbi offre ospitalità. E intanto, Morgan ringrazia il critico per il suo aiuto: «Ha colto il problema, creerò un luogo che si accenderà di musica».

«Visto che il Governo con disprezzo tace sui disagi di nomi importanti dell'arte e del teatro, - dice Sgarbi - io mi sostituisco a queste istituzioni colpevolmente indifferenti. Rezza e Mastrella saranno ospitati a Urbino. E come Morgan che nei prossimi giorni si trasferirà a Palazzo Savorelli a Sutri, anche Rezza e Mastrella potranno continuare a fare teatro nella città simbolo del Rinascimento».
«Segnalo la necessità di intendere le funzi...

Leggi tutto l'articolo