Moringa, la pianta che sgonfia la pancia e frena l'invecchiamento

Si chiama Moringa la pianta che sgonfia la pancia e frena l'invecchiamento, favorendo la perdita di peso.
Questo alimento arriva dall'India, appartiene alla famiglia delle Moringacee e da secoli viene utilizzato nella medicina ayurvedica.
Questa pianta resiste sia al freddo che al caldo, possiede moltissimi principi attivi e offre moltissimi benefici.
Ha proprietà antibiotiche, antiossidanti, antinfiammatorie e dimagranti.
Ricca di vitamina e sali minerali, questa pianta è un vero e proprio concentrato di benessere.
La presenza della vitamina A, ad esempio, è superiore persino a quella delle carote, mentre quella della vitamina C, è maggiore rispetto alle arance.
Grazie al rame e allo zolfo, la moringa aiuta a contrastare l'azione dei radicali liberi ed è un potente antiossidante.
Inoltre contiene alte quantità di calcio e ferro, maggiori anche rispetto a quelle che si trovano nel latte e negli spinaci.
La moringa è ricca pure di magnesio, manganese, potassio, vitamina D e boro, sostanze che aiutano a rafforzare le ossa, i legamenti e i denti.
Infine aiuta a tenere sotto controllo la glicemia e il colesterolo.
La moringa è un'ottima alleata per la dieta in quanto favorisce la perdita di peso.
Sgonfia la pancia, migliora la digestione e ci regala un ventre super piatto.
Il suo consumo regolare viene consigliato non solo a chi vuole tornare in forma, ma anche alle donne incinta e a quelle che si trovano nella fase dell'allattamento.
Come si consuma la moringa? Ogni parte di questa pianta è commestibile e ricca di proprietà.
Il modo migliore per assumerla è quella di consumarla sotto forma di bevanda.
Per preparare questo rimedio naturale mettere le foglie essiccate in infusione e consumate l'infuso appena tiepido.
In alternativa potete aggiungere le foglie di moringa ai vostri piatti, usandole per arricchire la pasta, le zuppe oppure i secondi.
Infine la moringa è ottima anche sotto forma di insalata oppure polverizzata nei frullati o nei centrifugati.

Leggi tutto l'articolo