Morlupo: questa Giunta ha una propria politica sociale ?

non conosco nel dettaglio, e quindi posso sbagliare, le politiche sociale del nostro Comune ...
ma se io non le conosco (dal sito non si evince niente ed altra pubblicità non ne vedo) forse non le conoscono neppure la stragrande maggioranza dei cittadini ...
e magari sbagliando, posso pensare, che non vadano molto al di là dei soggiorni estivi (per ragazzi e per bambini) e dell'assistenza domiciliare agli anziani ...
tutte attività benemerite, utilissime ed insostituibili ma ...
mi piacerebbe molto che questa Giunta, con un po' di fantasia (quella che veramente manca a questi amministratori) si facesse fattiva patrocinatrice di una serie di iniziative che potrebbero, da una parte, veramente aiutare (in questo momento di crisi) i cittadini morlupesi e, dall'altra, ricreare quel tessuto sociale che, una volta fortissimo nel paese, sembra ora essersi perso in mille rivoli ...
dicendo questo non voglio assolutamente pensare di far tornare il Comune al ruolo, dispersivo e poco utile, di dispensatore di fondi ECA quanto mi piacerebbe invece pensare ad un Comune, ad una Giunta che sappia incentivare, agevolare, magari sempre attraverso quel fantasma che continua ad essere la "Consulta delle Associazioni" (art.
33 dello Statuto), la costituzione, per esempio, di uno o più Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) (http://www.retegas.org/)  una ONLUS per l'erogazione del MicroCredito (http://www.utopie.it/economia_sostenibile/microcredito.htm) una Banca del Tempo (http://it.wikipedia.org/wiki/Banca_del_Tempo - http://www.tempomat.it/) e di chissà quante altre iniziative potrebbero venire in mente ai nostri concittadini ...
quello che manca a questa Giunta, oltre alla fantasia, è un impegno forte sul fronte della socializzazione stimolando tutte quelle attività sociali che sappiano tornare a dare un ampio tessuto sociale al nostro paese invece del deserto che, attualmente, vediamo tutti ...
la mia idea (ne ho già parlato in un altro post - 2/1/09) è quello di ricominciare, tutti insieme, maggioranza ed opposizione, dalla "Consulta delle Associazioni" usandola come volano primario a cui affidare tutta una rete di servizi ed attività socializzanti ...
ed il primo passo, necessariamente, dovrà essere quello di stilare il regolamento della "Consulta" per poi convocarla ed attivarla in tempi rapidi magari con delle risorse finanziarie già assegnate in fase di bilancio preventivo ...
che ne dice, signor Sindaco, si può fare ?  

Leggi tutto l'articolo