Morti sul lavoro, aziende in crisi, migranti: siamo un Paese bloccato, e la politica (ancora) dorme.

Il secondo consiglio dei ministri del governo Conte bis avvenuto ieri è durato 15 minuti. Cdm riconvocato per questa mattina per chiudere la partita delle nomine dei sottosegretari. Nell’attesa, è tutto fermo, anche in Parlamento. Intanto si accumulano ritardi, da Alitalia all’Ilva.

Un quarto d’ora. Quindici minuti. Tanto è durato il secondo consiglio dei ministri del governo giallorosso Conte bis. All’ordine del giorno: leggi regionali e provvedimenti del testo unico sugli enti locali. Niente nomine di sottosegretari e viceministri. La materia è ancora bollente, gli accordi ancora non ci sono. Tutto slittato, cdm riconvocato questa mattina alle 9.30 per chiudere la partita. Ma senza distribuzione delle nomine, intanto, non si tocca palla. E tutto si ferma nell’attesa.
Non tocca palla il governo. Tant’è che il cdm è durato giusto il tempo per i neoministri di vedersi e sedersi intorno allo stesso tavolo. Per poi salutarsi e tornare all’occupazione principale: riempire le tabelle pe...

Leggi tutto l'articolo