Mosca e San Pietroburgo aprono allo shopping tax free in Russia

Shopping tax free a Mosca e San Pietroburgo per i turisti che provengono dall'estero a partire dal 12 aprile.
A farlo sapere anche l'agenzia di stampa Tass, che ha indicato le due città come quelle da cui è partito il nuovo sistema esentasse.
Chi ha intenzione di visitare le due città russe, quindi, in caso di acquisti potrà ricevere il rimborso dell'Iva. La novità arriva grazie al governo russo, con l'obiettivo di promuovere il settore turistico.
Certamente anche l'imminente calcio di inizio della  Coppa del Mondo Fifa 2018 ha avuto il suo peso.
La manifestazioni calcistica più importante e seguita al mondo, infatti si terrà nello stato  russo e si suppone che questa estate invaderà la capitale più di un milione di tifosi.
Ma al di là della manifestazione sportiva il mercato turistico russo è allettante anche per l'aumento dei visitatori, come ha fatto sapere anche Gary Byrne direttore del New Markets Worldwide del gruppo Fintrax, a cui fa capo anche Premier Tax Free, che ha stimato in circa un milione i turisti in arrivo dalla Cina nel 2016.  L'acquisto esentasse in Russia è permesso ai cittadini stranieri, ma con qualche esclusione.
Restano fuori dai rimborsi dell'Iva infatti coloro che vivono all'interno dell'Unione economica euroasiatica.
L'aliquota totale arriva al 18 per cento, e per ottenere il tax free i turisti devono fare shopping per un valore superiore a 10mila rubli, lo stesso giorno e nel medesimo negozio.
Questa modalità di acquisto permette ai turisti di recuperare l'iva pagata sugli acquisti effettuati durante la vacanza in un paese straniero.
La tassa può essere restituita nel momento in cui si lascia il paese.  Per ottenere il rimborso si dovrà avere la ricevuta e un modulo speciale compilato da venditore e acquirente, il  timbro del servizio doganale e poi consegnare tutto nei punti di rimborso.
Al momento i rimborsi sono disponibilili anche per chi parte da Sochi.
Attenzione però, il tax free non può essere applicato a quei prodotti che sono soggetti ad accisa, come alcolici e sigarette.
Per cui un turista che decide di recarsi in Russia e vuole acquistare delle bottiglie di vodka deve sapere di non potersi avvalere del tax free.

Leggi tutto l'articolo