Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, Margherita Buy guida il cast di Questi giorni di Giuseppe Piccioni

JCR per RED||Carpet Venezia 73 dispone anche di Paradise del russo Andrei Konchalovsky.
Proiezione speciale per Planetarium di Rebecca Zlotowski, con Natalie Portman, fuori concorso.
In laguna è tempo di cinema italiano.
Venezia 73 - la sezione principale del festival in corso di svolgimento al Lido - introduce Questi giorni, il decimo film di Giuseppe Piccioni.
Il regista è sceneggiatore, che si è distinto con Giulia non esce la sera e Il rosso e il blu, propone una storia ambientata in una città di provincia.
Quattro ragazze, prive di interessi comuni o grandi ideali, sono unite da entusiasmi occasionali.
Il loro legame è tuttavia unico come il viaggio che compiono insieme per accompagnare una di loro a Belgrado.
Lì sono attese da una (misteriosa) amica e una (improbabile) occasione di impiego professionale.
Gli interpreti sono Margherita Buy, Marta Gastini, Laura Adriani, Maria Roveran, Caterina Le Caselle e Filippo Timi.
Venezia 73 comprende anche Paradise di Andrei Konchalovsky.
Il regista, sceneggiatore e produttore russo presenta un racconto avvincente.
I personaggi centrali sono Olga, Jules e Helmut, le cui strade si incrociano durante la seconda guerra mondiale.
La prima è un'aristocratica russa immigrata e fa parte della resistenza francese, arrestata dalla polizia nazista per aver nascosto dei bambini ebrei.
In prigione incontra Jules, un collaboratore dei nazisti incaricato di indagare sul suo caso che in cambio di favori sessuali le promette pene meno severe.
Olga si dimostra disponibile, ma tutto cambia quando gli eventi virano in una direzione imprevista.
Nuovi cambiamenti si manifestano dopo l'incontro con Hulmut, alto ufficiale tedesco delle SS che come un tempo è ancora innamorato di lei.
Quando la salvezza sembra alla portata, Olga si rende conto che la direzione migliore non è quella.
Gli interpreti sono Julia Vysotskaya, Christian Clauss, Philippe Duquesne, Victor Sukhorukov e Peter Kurt.
Fuori concorso viene proposto Planetarium di Rebecca Zlotowski.
Ambientato nella Parigi degli anni Trenta, è incentrato su Kate e Laura Barlow, due giovani spiritiste americane.
Mentre stanno concludendo un giro del mondo, un potente produttore cinematografico francese le ingaggia per dare vita ad un progetto molto ambizioso.
Quando in tutto il continente le minacce di guerra sono concrete, per loro si moltiplicano esperimenti e sentimenti.
Il cast è caratterizzato da Natalie Portman, che al festival veneziano è chiacchierata anche per l'interpretazione di Jackie in cui è la vedova Kennedy.
Altri [...]

Leggi tutto l'articolo