Motomondiale: Gp Spagna a Jerez Rossi vola nelle libere bene anche Capirossi e Stoner

Nella prima sessione di prove libere della MotoGP sul tracciato di Jerez Valentino Rossi è stato il più veloce, secondo un altro italiano Capirossi, terzo il ducatista Stoner.
Jorge Lorenzo è quarto.
Si torna in Europa e Valentino Rossi rimette subito i panni del Dottore.
Almeno così si direbbe a giudicare dall'esito delle libere del venerdì sul circuito di Jerez.
Dopo un GP lasciato a Casey Stoner e un altro chiuso al secondo posto dopo le sverniciate di Jorge Lorenzo, il campione iridato è deciso a prendersi tutta la ribalta.
Le libere con cui si è aperto il GP di Spagna dicono questo.
Rossi ha spinto la sua Yamaha al limite da subito, risultando essere l'unico capace di abbattere il muro del minuto e 40 secondi.
(1:39.647 il suo tempo).
Difficile, quasi impossibile, tenere quel passo.
L'unico ad avvicinarsi, seppure a quasi mezzo secondo di distanza, è così Loris Capirossi.
Il veterano della Suzuki è esattamente in mezzo tra i due litiganti di lusso, con Casey Stoner terzo.
Non benissimo l'attuale leader del Mondiale.
Jorge Lorenzo ha infatti un po' patito gli alti ritmi, posizionandosi al quarto posto (1:40.441).
Dopo di lui c'è la prima Honda del mazzo.
Non però quella di Dani Pedrosa, soltanto decimo, bensì quella di Andrea Dovizioso.
Si può accontentare Marco Melandri, nono, mentre a chiudere la lista è il decisamente meno soddisfatto Niccolò Canepa.
Difficile che siano del tutto contenti anche gli azzurri della 125cc, dove si rinnova la sfida tra Andrea Iannone, leader in generale, e Bradley Smith.
Il britannico del team Bancaja Aspar è partito meglio di tutti, stabilendo il miglior tempo (1:47.385) davanti al compagno di squadra Julian Simon.
Iannone si accontenta del terzo giro, molto più lento rispetto a quello di Smith (1:48.051).
In più, per l"italiano si registra anche una caduta negli ultimi istanti delle libere, quando pareva in grado di poter migliorare il proprio tempo.
Ancora male Simone Corsi, che ha chiuso con il 19esimo posto, a quasi tre secondi dal primo classificato.
A chiudere la giornata del venerdì sono state le libere della 250cc.
Finalmente per la Spagna un pilota di casa mette in riga tutti.
È Alvaro Bautista, che con un tempo di 1:43.429 batte di un soffio Aoyama (1:43.538) e Luthi (1:43.949).
Quarto Mattia Pasini, che comunque non ha sfondato il muro del minuto e 44, con l'ancora convalescente Marco Simoncelli che non va oltre l'ottavo tempo davanti a Hector Barbera.

Leggi tutto l'articolo