Moviola: Lazio, a Klose manca un gol. Pavoletti-Rafael, punite le follie

In attesa di Sassuolo-Fiorentina (alle 19) e Napoli-Inter (alle 20.45) con i quali si chiuderà questa giornata di campionato, ecco gli episodi che più hanno fatto discutere nell'ultimo finesettimana di Serie A.
La Lazio si è lamentata per i due gol annullati a Klose: sul primo ha ragione l’arbitro, mentre sul secondo siamo al limite.
Nella domenica nera della Roma c’è pure un possibile rigore non visto su Manolas.
Per il resto, punite (giustamente) le follie di Rafael e Pavoletti.
PALERMO-JUVENTUS 0-3 — Paolo Valeri dimostra anche a Palermo di essere in ottima forma, una notizia positiva per il designatore Domenico Messina che potrà contare su di lui per i match importanti.
Ieri non è stata una partita difficile, ma il fischietto romano è stato sempre vicino all’azione e non ha tentennato quando è arrivato il momento di prendere decisioni pesanti, come al minuto 25 quando ha mostrato un giallo a Pogba dopo l’entrata in ritardo su Hiljemark: il bianconero era diffidato, salterà la sfida con la Lazio.
Nella ripresa Struna abbatte Dybala: ammonito, anche lui era diffidato e non ci sarà a Bergamo.
Bene Valeri quando Vazquez chiede il giallo in modo plateale per Sturaro che lo aveva atterrato.
E’ un comportamento contrario al fair play, punito con l’ammonizione: in Italia una rarità, ma Valeri non si tira indietro e gli sventola il cartellino (pure per Vazquez niente Atalanta).
Solo dopo l’arbitro ammonisce Sturaro.
Arbitro: Valeri di Roma.
ROMA-ATALANTA 0-2 — Non male la direzione di Calvarese in una partita ricca di episodi.
La Roma chiede più volte il rigore, ma solo nella ripresa con qualche ragione perché Paletta rischia davvero tanto rifilando una spinta (non clamorosa) a Manolas che sta per effettuare una rovesciata.
Fischiare il penalty non sarebbe stato uno scandalo.
Per il resto, nulla da dire sul rigore concesso all’Atalanta: è netta l’irregolarità di Maicon (espulso per la chiara occasione da gol negata) su Gomez.
Giusti anche i rossi per Stendardo e Grassi per doppia ammonizione.
Arbitro: Calvarese di Teramo.
MILAN-SAMPDORIA 4-1 — Oltre ai quattro gol, il Milan ne segnerebbe anche un altro in apertura con Cerci: bravo l’assistente De Luca a pescarlo in fuorigioco dopo la respinta di Viviano su Bacca.
Regolare il vantaggio di Bonaventura (dietro la linea del pallone sull’assist di Niang); in occasione del 2-0, invece, Doveri grazia De Silvestri, che commette fallo su Bonaventura.
Chiara occasione da gol: oltre al rigore, il terzino andava espulso.
Montolivo era andato a [...]

Leggi tutto l'articolo