Mozione su Suap

Il Consiglio Comunale sarà chiamato a discutere nel corso della prossima seduta  di una mozione presentata dal Presidente del Consiglio Enzo Scarso ed avente ad oggetto  le modifiche agli impianti produttivi approvati dal Consiglio Comunale con la procedura ex art.5 D.P.R.
447/98, in deroga allo strumento urbanistico generale, vale a dire attraverso lo Sportello Unico.
L’iniziativa assunta dal Presidente, prende spunto da un espresso sollecito dell’Amministrazione Comunale e segnatamente da parte dell’Assessore allo sviluppo economico Franco Militello.L’assessore Militello ha infatti avuto modo di notare che con sempre maggiore frequenza vengono avviati procedimenti comportanti varianti in corso d’opera relativi a progetti autorizzati  dallo Sportello Unico.
In Alcuni casi  si tratta di modifiche di lieve entità, che si rendono necessarie apportare al progetto, approvato senza che le stesse determinino mutamenti sostanziali dello stesso.
Nel caso in cui si registra questa fattispecie, atteso che  si tratta di soluzioni tecniche esecutive di dettaglio da introdurre in fase di realizzazione dell’opera, la mozione da mandato al dirigente di autorizzare le modifiche , anziché gravare ulteriormente il Consiglio Comunale come avviene sino adesso.
Il Presidente del Consiglio si è detto favorevole a tale iniziativa, facendosene personalmente carico, poiché ritiene che in tal modo si possano soddisfare le esigenze di speditezza nell’iter burocratico per piccoli varianti non sostanziali ed allo stesso tempo  venire incontro anche ad una richiesta politica bipartisan.
Dello stesso avviso l’assessore Franco Militello che tiene ad evidenziare come con questa mozione si snellisca l’iter burocratico  garantendo sempre la “certezza del diritto”.
Infatti, evidenzia l’assessore Militello con la mozione proposta dal Presidente Scarso si da mandato al dirigente del Settore competente di definire mediante la redazione di una apposita circolare esplicativa una precisa demarcazione tra le varianti  da sottoporre ad una nuova approvazione del Consiglio Comunale, e le modifiche non sostanziali per le quali non è necessario il pronunciamento del civico consesso in modo da evitare qualsiasi incertezza o applicazione errata della volontà consiliare.
  Modica  4  febbraio ’08                                                                          L’ufficio di Presidenza

Leggi tutto l'articolo