Mumford & Sons - "Delta" (Island Records, 2018).

Spirituale, mai profano, arriva il IV album della band inglese questa volta diretta da Paul Epworth che produce un disco virante decisamente verso sonorità pop-rock in perfetto stile Coldplay.
Una rivoluzione per Ben Lovett e Marcus Mumford che, dopo il successo alt-folk di "Babel" (Island Records, 2012) si era dato all'elettronica delle quattro "d" ("death, divorce, drugs, depression") in "Wilder Mind" (Island Records, 2015).
Non bastava per i Mumford & Sons raggiungere la popolarità degli stadi: adesso cercavano un sound mainstream, dolce, carezzevole e piuttosto colorato; beh, ci sono nettamente riusciti come i dati di vendita internazionale sembrano dimostrare.
I primi pezzi (innamorati) "42", "Guiding Light" e "Beloved" messi cosi in fila, sono emblematici e lasciano cadere qualsiasi inibizione di fronte ad un pezzo massimale come "Woman" (che ritorna a ripercorrerne le origini blues della band).
14 tracce forse, sono troppe: e se la riflessione e la loro ballabilità vi porta ad a...

Leggi tutto l'articolo