N° 4 - è tratto distintivo della dignità umana assumersi il coraggio di affermare che ci sono comportamenti da condannare.

Perché questo quarto post su: “è tratto distintivo della dignità umana assumersi il coraggio di affermare che ci sono comportamenti da condannare.” Semplicemente perché ho bisogno di cercare delle risposte alle domande che la lettura del post in discussione oggettivamente solleva alle quali io non sono ancora riuscito a trovare adeguate risposte.
Semplicemente un atto di remissione da effettuare pubblicamente.
Alla mercé dell’intera community.
Almeno della parte che la ritiene degna di considerazione.
Ringrazia, ancora una volta, anticipatamente, chi questa opportunità ha offerto.
(Con l’evidente rischio di ritrovarmi immischiato in un pozzo di possibili ipocrite interpretazioni.) Allora venendo al dunque: Come mai la stessa normalissima e lecita attività di lettura di blogs pubblici possa essere considerata per dei “supposti indegni” operazione di spionaggio mentre quella assolutamente simile posta in atto da altri è, invece, da considerare attività assimilata ad una richiesta di “pura e angelica difesa della propria Libertà”? Come si fa a conoscere il rapporto esistente fra il curatore di questa autonoma creatura con l’altra Persona chiamata in causa? …e viceversa.
E se una delle due persone fosse impegnata, verso l’altra, in una opera di carità come si fa ad escluderlo? E se l’altra crede di fare la stessa cosa non arrecando danno ad alcuno come si fa ad escluderlo? E se entrambe le strambe e sghembe figure umane,  stiano tentando un lecito esperimento “socialmente utile”, magari di auto salvamento, come si fa ad escluderlo? Non è risaputo che  seguendo degli esperimenti  solo lo sperimentatore conosce le regole e le pratiche adottate?  Non lo sanno tutti quelli che si sono travati in queste condizioni? E se il curatore di questa creatura (io/me e il terzo gemello) fosse stato plagiato dalla “s'ignora indegna” , quali generose azioni umanitarie di recupero potrebbero essere poste in atto a fronte della civica sensibilità degli astanti normali persone umane? Come mai l’oscurità può infondere in esseri umani tanta tremenda paura se per almeno metà del tempo della nostra vita le tenebre ci avvolgono e ci fanno compagnia in quanto siamo tutti in esse dolcemente immersi?  Sulla base di quali analisi cliniche e specialistiche svolte su MINICAOSINLIBERTA’  e su di me è stato possibile assegnare la seguente, severa, prescrizione: “Solo di provare un giorno la gioia di venire digeriti dal loro stesso fiele”? (Grazie, comunque per la riconosciuta capacità di [...]

Leggi tutto l'articolo