NAPOLEONE A PAVIA racconto (366) di Dino Secondo Barili

Intrigo … …a Pavia (Queste storie, anche se raccontate come vere, sono frutto di fantasia, pertanto non hanno  nulla a che vedere con persone reali o fatti realmente avvenuti) 366 Napoleone a Pavia Il primo settembre segna la fine fisica, morale e definitiva delle vacanze.
Sembra l’inizio di un nuovo anno… un invito a ricominciare… La voglia, però, di prendersi ancora qualche momento di relax è troppo forte...
Basta vedere la quantità di persone che affollano le “serate da ballo” organizzate da enti pubblici e privati”, oppure le manifestazioni per grandi e piccini.
La crisi economica, tuttavia, ha lasciato il segno.
Le persone (tutte le persone) aguzzano l’ingegno e “le studiano tutte pur di vivere e sopravvivere”.
Per esempio.
Le piccole e grandi città creano richiami per attirare visitatori e turisti.
Pavia, città di 70mila abitante non fa differenza… Però, uno differenza c’è.
Pavia non ha bisogno di fare troppo clamore per farsi apprezzare.
Ieri mattina, domenica, primo settembre, parecchi turisti “fai da te” giravano per la città.
Il clima ideale… la città domenicale …senza traffico… sembrava fatta apposta per essere “vissuta e goduta”.
Ormai, parecchi turisti sono diventati “visitatori abituali” di Pavia.
Sono, in genere, milanesi in “fuoruscita” dalla metropoli lombarda.
A Pavia hanno trovato ciò che cercavano: serenità, benessere e molto di più.
Ieri mattina, domenica, il Signor Amilcare, sessant’anni, milanese doc, insieme alla moglie Rosanna, non ha perso l’occasione per fare “una passeggiata a Pavia”.
Diceva.
“Ormai, quando vogliamo fuggire da Milano sappiamo dove andare.
Io e la mia Rosanna, non usiamo neppure l’automobile.
Prendiamo il treno della “Linea S13” (Milano Bovisa – Passante – Pavia) che passa sotto la nostra casa a Milano…e siamo subito nella città del Ticino.
Mia moglie prepara l’itinerario e la cosa è fatta.
A noi due piace camminare… Pavia è la città per fare “molti passi a piedi” (una volta si diceva “a misura d’uomo”).
Pavia… non è una città.
Più che una città… è un museo a cielo aperto.
Ovunque ti giri, ovunque ti volti, c’è sempre qualcosa di nuovo da vedere.
Sono fortunato perché la mia Rosanna, Ricercatrice di Storia, è una patita di Pavia… Quasi, quasi ho imparato a memoria i personaggi storici che hanno passeggiato nella città del Ticino.
Da Alboino a Federico Barbarossa, da Francesco I Re dei Francesi (quello della Battaglia di Pavia del 1525) a Napoleone … A volte [...]

Leggi tutto l'articolo