NASCAR - Seconda vittoria per Kahne

Kasey Kahne ha vinto la sua seconda gara stagionale conquistando la vittoria nella Pep Boys Auto 500 disputata domenica notte all’Atlanta Motor Speedway.
Questa vittoria consolida la posizione di Kahne nella Chase: quando manca una gara alla fine della “regular season” il pilota del team di Richard Petty ha 96 punti di vantaggio sul tredicesimo, Brian Vickers (settimo ad Atlanta).
Kahne ha preceduto sul traguardo Kevin Harvick di quasi due secondi.
Al restart al giro 315 (sui 325 in programma) dopo una caution causata da un testacoda di Clint Bowyer Kahne è riuscito a staccare Harvick e Juan Pablo Montoya, terzo al traguardo.
"Sapevo che Harvick e Montoya ce l’avrebbero messa tutta fino alla fine", ha detto Kahne.
"Ma sono riuscito a tenerli a bada.
Negli ultimi 10 giri siamo andati veramente bene.
Quando siamo arrivati al momento del restart sapevo che avevamo una possibilità.
La squadra ha fatto un grande lavoro.
I pit stop sono stati fantastici tutta la notte.
Le chiamate da del mio crew chief sono state perfette.
Sapevo che avremmo potuto andare veloce per circa 15 giri, più veloci di tutti.
Ad 11 giri alla fine, pensavo solo al primo posto.
E' stato un grande lavoro di squadra, e qualcosa di cui il Richard Petty Motorsports davvero bisogno." Harvick, vincitore sabato della gara della Nationwide Series, ha disputato probabilmente la migliore gara della stagione.
In classifica è solo ventitreesimo, e in questa stagione ha trascorso più tempo a rispondere alle domande sul suo futuro con Richard Childress Racing che a fare altro.
"Abbiamo avuto una grande macchina stasera", ha detto Harvick.
"Sapevo che nel finale saremmo stati in difficoltà perché alla nostra macchina servivano 15 o 20 giri per andare al massimo." Montoya si è invece portato all’ottavo posto in campionato, con 88 punti di vantaggio su Vickers.
"Penso che sia stata una grande gara", ha detto Montoya.
"Penso che tutti nel team abbiano fatto un lavoro incredibile.
Nell’ultima gara a Bristol pensavo che avevamo una possibilità di vincere ed invece abbiamo forato una gomma ed abbiamo perso un sacco di punti.
Così come in Michigan.
Nelle ultime gare abbiamo perso un sacco di punti, e questo è sempre preoccupante.
Ogni volta che c’era una ripartenza pensavo 'per favore, che nessuno mi tocchi' e altre cose del genere." Denny Hamlin è diventato il quarto pilota a qualificarsi matematicamente per la Chase grazie al sesto posto finale, aggiungendosi ai già qualificati Tony Stewart, Jeff Gordon e il campione in carica Jimmie Johnson.
I [...]

Leggi tutto l'articolo