NECESSARIO E SUPERFLUO

Facendo pulizie approfondite e ordine in casa, è la volta buona che qualcosa si butta per fare un po' di spazio.
Aprire un armadio e vedere tutto stretto stipato, aprire un'anta di un mobiletto e trovarci mille articoli per la pulizia, aprire un cassetto e rovistere mezz'ora per trovare ciò che stiamo cercando...
ci complica molto la vita, viviamo un senso di caos e pare che anche il nostro cervello sia stipato come i nostri mobili.
Troppo spesso teniamo ciò che non usiamo più perchè "un giorno ci potrebbe servire" ben sapendo che non accadrà mai.
Se abbiamo eliminato dall'uso corrente un determinato prodotto o un determinato capo d'abbigliamento o un oggetto qualsiasi, quasi mai lo andremo a cercare.
Io sono pessima in questo e tendo a tenere quasi tutto...
tranne quando, prima che esplodano i mobili, esplodo io e butto! Butto tutto! O quasi...
Ehmmm...
spunta una mano.
Chi starà buttando? Vi capita mai di trovarvi tra le mani quel maglioncino o quella giacca tanto bellini che.....................
che non si possono eliminare! No no no! Troppo belli, sono un capo costato molto, che vi piaceva proprio, a cui ci siete legati e che, chissà, un giorno metterete ancora! Balle!!! Non lo indosseremo mai più! Bisognerebbe sempre ricordare una regola fondamentale: se vi trovate tra le mani qualcosa che non ricordavate di avere, vuol dire che non ne sentivate la mancanza e che quindi è inutile tenere.
Io ad esempio, sistemando gli stivali, ne ho "scoperti" alcuni che quest'anno non ho mai messo.
Quindi, perchè tenerli? Solo per essere ingolfata di scatole? Dai...
sto facendo la brava e.....
butto.
No, non butto, ma porto nei punti di raccolta di indumenti usati.
Dopo avere eliminato parecchia roba, ci si sente più liberi, più leggeri...
insomma eliminando cose vecchie, si guadagna spazio fisico e mentale.
  Questo mi ha fatto pensare anche al fatto che di questi tempi, quasi tutti noi, abbiamo molto ma molto superfluo.
Se ripenso a quando ero bambina io, pur non avendo mai vissuto in miseria (ma nemmeno nel lusso), molte cose erano adeguate alle affettive necesità.
Io avevo UN paio di scarpe per tutti i giorni e UN paio per la domenica (esattamente come mia mamma).
Ora? Un paio di scarpe di ogni colore (magari sia con tacco alto che con tacco comodo).
In casa poi, c'era UN paio di forbici grandi (tipo quelle da sarta) e UN paio di forbicine per le unghie.
E a volte si impazziva mezz'ora a trovarle! Ora? Credo di avere più forbici e forbicine che locali della casa! Noi avevamo UN asciugacapelli (avuto in [...]

Leggi tutto l'articolo