NELLE CITTA' E' INVASIONE DI CIMICI CINESI.COLDIRETTI LANCIA L'ALLARME

Ricordano la biblica invasione delle cavallette,gli sciami di Cimici che stanno invadendo il Nord Italia,costringendo i Cittadini nei Centri abitati a barricarsi i casa con porte e finestre chiuse.Nelle campagne si contano i danni provocati da questi insetti insaziabili che distruggono pere,mele,kiwi,uva,ma anche coltivazioni di soia e mais.L'allarme lanciato dalla Coldiretti per l'arrivo in Italia della "Halyomorpha Halys"(cimice)Marmorata Asiatica,che è particolarmente pericolosa per l'Agricoltura perchè prolifica con il deposito delle uova almeno due volte l'anno con 300-400 esemplari alla volta.La prima segnalazione,sottolinea la Coldiretti si è avuta in Emilia Romagna nel 2012,ma quest'anno la situazione è drammatica sopratutto tra Friuli e Veneto,anche se non mancano riscontri in altre regioni,dalla Lombardia al Piemonte.In Italia non hanno antagonisti naturali.Un problema che,precisa la Coldiretti,rende molto difficile la lotta all'insetto che da adulto è in grado di volare per lunghe distanze alla ricerca di cibo,e sverna come adulto in edifici,in cassette e anfratti riparati per poi raggiungere in Primavera le piante per alimentarsi,accoppiarsi e deporre le uova.A favorirne la diffusione è stato un Autunno particolarmente caldo.La lotta per ora può dunque avvenire solo attraverso  protezioni fisiche,come le reti anti insetti a protezione delle Colture perchè non è possibile importare insetti antagonisti dalla Cina per motivi sanitari."Siamo di fronte ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici,"denuncia Coldiretti.La Cimice Asiatica è infatti solo l'ultimo dei parassiti "alieni"inediti per l'Italia,dove nel tempo sono arrivati,con un conto dei danni all'Agricoltura nazionale stimato in oltre il miliardo di Euro.

Leggi tutto l'articolo