NEWS

HANNO SCRITTO DI NOI : Brochure ufficiale Manifesta 7, Brochure ufficiale Parallel events to Manifesta 7, Events and Parallelevents to Manifesta 7 journal, Ansa, RTTR (Adele Gerardi), APT di Trento, Corriere del Trentino (Agnese Licata), Corriere dell'Alto Adige, l'Adige (Giuliana Izzi), Trentino (Fiorenzo Degasperi), Vita Trentina,vari siti web.
..........................................................................................................................................................................................................................................................  FLORA GRAIFF e LILLO GULLO in mostra a Manifesta7-parallel events con "BEATI, on the road in the room" a Castel Toblino, cappella S.Antonio da Padova (Calavino-Trentino) dal 16 luglio al 3 agosto,  orario 17-21, martedì chiuso.
Allestimento dell'architetto Mauro Santuari, catalogo edizioni Stella  con testo critico di Luca Beatrice.
            Trento a spini di gardolo: la mensa progettata dall'architetto Mauro Santuari.
    .........................................................................................................................................................................................
  POETICA Enigmi domestici  di Lillo Gullo La vocazione è domestica, in parziale urto con Pascal che riteneva l’uomo incapace di starsene tranquillo in una stanza.
Senza distrazioni, filosofava il francese, l’uomo finisce presto con l’essere vinto dalla coscienza della fine.
E chissà - proviamo a inforcare le sue lenti - chissà che non sia stata proprio la smania di divertissements a spingere taluni pittori di Parigi dell’Ottocento ad uscire dall’atelier per rizzare il cavalletto en plein air, mettiamo ad Argenteuil,  in mezzo ad un campo di papaveri scarlatti o su un battello ormeggiato nel bacino della Senna.
E chissà - non abbiamo ancora riposto le lenti nell’astuccio - chissà che non sia stata la stessa smania, nel Novecento in America, a catapultare sulla strada le menti più inquiete della beat generation.
Forse non conosceremo mai l’intima verità di quelle pulsioni.
Sappiamo, invece, che è un proposito contrario a muovere gli autori di questa plaquette: fare ritorno a casa.
Scommessa sommessa e blandamente sapienziale: esistere in un luogo intimo, tra pavimento e soffitto, dove sottrarre svaghi e, semmai, captare il silente rullo del tamburo di un muro.
Un tour lillipuziano nell’invisibile e nell’impercettibile - on the road in the room - per scardinare, e fonderle assieme, le [...]

Leggi tutto l'articolo