NEWS- INGROIA -LISTE* E BERSANI MENDICA IL VOTO UTILE -

    UNA CHICCA - ASCOLTA SU YOUTUBE                                                                                                Partito della Rifondazione Comunista   CARO BERSANI, SEI RESPINTO AL MITTENTE Bersani oggi lancia la campagna del "voto utile" nei confronti di Rivoluzione Civile.
Per il segretario del Pd non è sufficiente un premio di maggioranza alla Camera che a fronte di un probabile 35% di voti gli consegnerà il 55% dei deputati.
Vuole anche i voti gratis di una lista che non ha nemmeno voluto incontrare, il cui programma lo considera incompatibile con il proprio.
Tutto questo è inaccettabile poiché si passa dal confronto politico - anche aspro - al tentativo di condizionare il libero voto degli elettori attraverso un vero e proprio ricatto.
Da respingere al mittente!                          Ferrero e il sindaco No Tav nella lista piemontese di Ingroia Paolo Ferrero L’ex pm antimafia capolista di Rivoluzione Civile, seguito dall’esponente dell’associazione Libera.
Poi il segretario del Prc, che dovrebbe tornare alla Camera maurizio tropeano E alla fine anche Rivoluzione Civile ha delineato la testa di lista in Piemonte.
Il numero 1 è l’ex pm antimafia, Antonio Ingroia, dietro di lui c’è Gabriella Stramaccioni, vicina a Libera.
L’ex ministro del welfare del governo Prodi, Paolo Ferrero, è il numero 3 ma dalle indiscrezioni che arrivano da Roma potrebbe tornare alla Camera dei Deputati perché se la formazioni raggiungerà il quorum l’ex pm e l’esponente della società civile dovrebbero optare per altri seggi.
Nella testa di lista non c’è Nicoletta Dosio, una delle leader storiche del movimento No tav e segretaria Prc di Bussoleno.
Nilo Durbiano, sindaco No Tav di Venaus, è capolista al Senato.
Ex iscritto al Pd, ora nei Verdi, Durbiano è sostenuto da una folta pattuglia di amministratori locali.
Sul Piemonte 2 dietro Ingroia un operaio della Fiom e il leader dei Verdi Angelo Bonelli.
 http://www.lastampa.itPartito della Rifondazione Comunista                                                                             

Leggi tutto l'articolo