NON HO SANTI IN PARADISO - Danilo Sacco

Cammino sotto le stelle lontane Cammino sotto le stelle lontane come facevo da piccolo con mio fratello, come facevo in quelle lunghe , fredde notti di S.
Francisco, che sembravano non avere limiti - solo viali di colonne e sempreverdi, senza muri.
E guardo in alto e vedo gli spazi tra le stelle penso alle nebbie e alle miglia che le separano, cosa attraverseremmo per essere insieme: Così mi ritrovo a Churchill Street tornando a casa dal negozio gli occhi rivolti ai densi gruppi che crepitano nella notte, E sento di nuovo la domanda che dimora nelle nostre menti sull'idea che è dietro all'uomo il suo posto nell'universo e l'universo, il suo posto nell'uomo.
E resto come quando avevo otto anni con lo stupore di cos'è a creare tutto, l'infinità tra ciascuna luce e l'eternità di una.
E sono muto con la domanda John Wieners    

Leggi tutto l'articolo