NUOVO CONTO ENERGIA

Più incentivi per gli impianti più piccoli Il Conto Energia attualmente in vigore (vedi post del 16.02.09) prevede l'erogazione di incentivi fino al raggiungimento di 1.200 Mw di potenza installata.
Un obiettivo che, visto il grande successo dell'iniziativa e le numerose adesioni (ogni tanto una buona notizia), rischia di essere raggiunto entro la fine del 2010.
E dopo? Il Governo dovrebbe prendere una decisione in merito proprio in questi giorni.
E l'augurio è che un nuovo Conto Energia - o un altro sistema di incentivi - prenda il posto di quello attuale.
Non solo per diffondere ulteriormente il fotovoltaico e l'utilizzo di energia rinnovabile.
Ma anche per evitare un improvviso crollo della domanda e - di conseguenza - delle aziende del settore (vedi quanto scrive in merito alla Spagna Soldiblog).
Vista l'attuale situazione economica, è l'ultima cosa di cui avremmo bisogno! In attesa che il Governo si confronti sull'argomento, le associazioni di settore hanno già espresso le loro richieste: incentivi più alti per gli impianti di dimensioni minori destinati all'utenza residenziale o professionale.
Una domanda più che lecita, dal momento che il Conto Energia ha prodotto, solo nell'ultimo anno, una crescita del 7% della classe di impianti superiore a 50 kW di potenza.
Impianti destinati per lo più ai grandi gruppi finanziari che hanno investito in parchi fotovoltaici.
E i nostri tetti? L'obiettivo per il futuro potrebbe quindi essere diverso: una diffusione capillare.
Tanti piccoli impianti installati sui tetti delle case, capaci di sopperire al fabbisogno energetico dell'edificio che li ospita.
Un sogno?

Leggi tutto l'articolo