Nadal torna a trionfare a Indian Wells

 Finalmente Rafael Nadal è tornato a vincere un torneo importante, battendo Juan Martin Del Potro in una finale bella e combattuta (4-6/6-3/6-4).
È stata forte l’emozione del maiorchino che ha riassaporato il gusto del trionfo in un Masters 1000 (è il ventiduesimo della carriera, supera Federer che è a quota ventuno). La partita è stata avvincente e incerta, almeno fino a metà del secondo set, che segna il punto di confine tra due fasi del match ben distinte.La prima fase vede una superiorità di Del Potro che, nonostante una lenta partenza, impone la sua potenza e le sue accelerazioni, vincendo il primo set e portandosi in vantaggio per 3-1 nel secondo.
Da quel momento Juan Martin ha un calo verticale, dal punto di vista fisico e mentale (si fanno sentire le cinque ore e mezzo dei precedenti match contro Murray e Djokovic); contemporaneamente c’è la reazione di Rafa che inizia a tessere la sua tela di logoramento dell'avversario.La ricetta è sempre la stessa che l’ha portato a tanti successi.
Una difesa straordinaria, unita a una capacità disumana di passare al contrattacco, al momento propizio. Questa è la seconda fase del match, nella quale si capovolgono completamente le rispettive posizioni.
Del Potro annaspa e Nadal infierisce; il risultato è la vittoria del secondo parziale e la chiusura del terzo set, quando ormai si era compresa la direzione che aveva preso il match.Comunque resto ammirato dall’argentino che, dopo le battaglie degli ultimi giorni, ha avuto il cuore di combattere fino alla fine, seppur privo di energie. La sensazione è che Juan Martin, senza le scorie dei match precedenti, avrebbe potuto portare a termine la partita, in due set (anche se non vanno mai sottovalutate le doti di recupero di un fuoriclasse come Rafa). Una cosa è certa, questo Del Potro è stato il protagonista del torneo e, credo, sarà uno dei protagonisti della stagione.Per quanto riguarda Nadal, penso che il suo ritorno sia una bella notizia per questo sport.
Ci sono stati molti dubbi sulle sue reali condizioni fisiche, ma penso che qualsiasi dubbio sia stato fugato.
Ieri Rafa correva e scivolava sul duro cemento come fosse l’amata terra rossa, cosa che non sarebbe possibile per un giocatore privo di forma fisica.
Sarei sorpreso se saltassero fuori altre questioni sul suo recupero.
Non sarà ancora al 100%, ma è molto vicino … e ieri si è visto chiaramente.Nel frattempo da oggi si riprende il quarto posto della classifica mondiale.
Il maiorchino si prenderà un breve periodo di riposo prima di iniziare [...]

Leggi tutto l'articolo