Napoli, cacciato di casa perché gay: finisce in ospedale per morsi di topi

Cacciato di casa perché omosessuale, costretto a vivere in condizioni disumane in un sottoscala, finisce in ospedale dopo essere stato morso dai topi. È la vicenda accaduta a Monte di Procida (Napoli) e denunciata dall'Arcigay, che si è messa in contatto con il sindaco del piccolo comune flegreo il quale ha assicurato il proprio intervento per trovare una sistemazione dignitosa all'uomo, di 40 anni.
«Non siamo una comunità omofoba. Conoscevamo da tempo le condizioni di difficoltà di Sergio e abbiamo provato in più modi ad aiutarlo, dal Comune alla parrocchia. Ora cercheremo di trovare ulteriori soluzioni che gli consentano di non vivere in condizioni disumane». Il sindaco di Monte di Procida (Napoli), Giuseppe Pugliese, commenta così la denuncia dell'Arcigay. «Io, e ritengo la maggior parte dei miei concittadini, non sapevamo nulla fino ad oggi degli orientamenti sessuali di Sergio, e non so fino a che punto il clamore sollevato dall'Arcigay possa giovare alla soluzione dei suoi probl...

Leggi tutto l'articolo