Napoli, il figlio viene aggredito dai bulli: la madre posta le foto su Facebook

Lina Grimaldi ha descritto la brutta avventura del figlio come una storia, perché è successo a Scampia "ma poteva accadere ovunque"

Cinquemila e cinquecento like e altrettante condivisioni. Tutta la Rete sembra aver raccolto l'invito di Lina Grimaldi a "far conoscere queste oscenità". La donna è la madre di Emanuele A. e su Facebook ha voluto mostrare pubblicamente come il figlio è stato ridotto da un gruppo di bulli. E’ successo il 20 maggio a Scampia, ma il post è stato scritto in terza persona e senza menzionare subito il luogo, perché, dice, "poteva accadere ovunque".
Le parole della madre "E fu così che in un giorno di sole dopo le piogge, un liceale di 16 anni all'uscita della metro decide di tornare a casa a piedi dopo la mattinata chiuso in classe". Comincia in questo modo il post pubblicato da Lina Grimaldi, come una storia. Non se ne conosce ancora né il luogo, né il protagonista, perché non è quello l’importante. Ciò che conta è che due bulli "avevano deciso di tagliargli...

Leggi tutto l'articolo