Navari insiste: "Dopo i vigilantes i carabineri in congedo...

Attualità martedì, 7 agosto 2012, 14:30 FORTE DEI MARMI Navari insiste: "Dopo i vigilantes i carabineri in congedo: al peggio non c'è mai fine" L' ass.re Alessio Felici (Sel), con la scelta dell' utilizzo dei "Carabinieri in congedo" non si rende conto di peggiorare la situazione? - è scritto in una nota a firma Mario Navari, portavoce della Federazione della Sinistra-Versilia (Prc-Pdci) - Possibile che l' amm.ne di Forte dei Marmi (Pd e Sel) non ascolti neppure le preoccupazioni della Cgil, che parla apertamente di violazioni sia di contratto che delle norme in materia di sicurezza pubblica? Il sindacato aggiunge che non è stata fatta nessuna gara di affidamento ed invita addirittura il Questore ad intervenire.
Mentre con i vigilantes potevamo parlare di una cittadina trasformata in villaggio turistico o resort, adesso con l' aggiunta dei "Carabinieri in congedo" sembra volersi introdurre un clima da caserma.
Nel frattempo la "tassa di scopo" del sindaco Buratti prende forma.
Cioè si spendono altri 2.400 euro dalle casse del comune, che vanno a sommarsi ai quasi 6.000 euro per gli istituti di vigilanza privati.
Ci saremmo aspettati dall' ala sinistra della coalizione un atteggiamento almeno critico.
Invece contemporaneamente si vanno a perdere anche quelle sensibilità che dovrebbero stoppare queste proposte "leghiste".
Infatti, l' uscita dal consiglio comunale di Forte dei Marmi di Emanuele Tommasi (Sel) rappresenta un errore.
Un danno che avrà varie ripercussioni, sia amministrative che di equilibri interni alla maggioranza.
Purtroppo il consigliere più votato andrà a perdere il diritto di voto.
Questo pesa ancor più in una maggioranza come quella guidata da Buratti che certamente non si è distinta per scelte progressiste.
Tommasi difende questa operazione dicendo che era "un impegno già concordato addirittura prima delle elezioni".
Forse avrebbero dovuto saperlo anche gli elettori? Tommasi arriva ad affermare che tale scelta è motivata per favorire l'ingresso di giovani.
Ragioni condivisibili, ma nella realtà verrà ripescato in consiglio l'ex presidente del Consiglio Comunale Mattugini e non certo una nuova leva.
Dispiace perdere un uomo di sinistra all'interno delle istituzioni che avrebbero potuto dare una voce alternativa.
Per esempio, cercando di portare nel dibattito del consiglio comunale fortemarmino le ragioni delle organizzazioni sindacali, le quali dichiarano che in alcuni stabilimenti balneari si registrano forme di lavoro grigio, nero, bagnini pagati in forma forfettaria, uno scarso rispetto [...]

Leggi tutto l'articolo