Nel dolore spero

Signore, ho l’anima piena di amarezza e rischio di essere sopraffatto dallo sconforto.
Dammi la forza di accettare questa sofferenza che mi fa partecipe della tua passione e del tuo dolore.
E se in un istante di debolezza mi dovesse sfuggire un gesto di rivolta, protestando la mia innocenza, ricordami, o Signore, che tu stesso, pur essendo infinitamente buono, sei stato crocifisso.
Rinnova in me il coraggio di affrontare quanto mi riserva la legge misteriosa del dolore, che giorno dopo giorno va restaurando nel mondo la forza di vivere e sperare Giacomo Perico

Leggi tutto l'articolo