Nel migliore dei mondi possibili...

...non trascorreresti una giornata come questa  in ospedale, né mangeresti per abitudine.
Una giornata calda, a metà gennaio, meriterebbe mani che tremano dal desiderio e calici di vino che ti aprono a misteri che stanno molto al di sopra del comune sentire.Ma questo non è il migliore dei mondi possibili, e mentre osservo la gente che accalcandosi diventa numero, capisco che l'unica cosa di cui dispongo è la serenità con cui affronto tutto questo.Il sole filtra dalle vetrate del tetto e le scale mobili continuano a scorrere parallele.
Non so perché, ma trovo belli e commoventi quei numeri umani. The grass was greener The light was brighter The taste was sweeter The nights of wonder With friends surrounded The dawn mist glowing The water flowing The endless riverForever and ever

Leggi tutto l'articolo