Nettunense uccide per colpa della burocrazia

Lanuvio – Aprilia – Ariccia, la Nettunense uccide per colpa della burocrazia.
Lo dichiara Ferrazza Nazareno coordinatore dei Castelli Romani del Partito Liberale, che afferma: “La manutenzione della Nettunense in pochi anni e passata dall’Anas alla Regione Lazio, successivamente per aumentare le deleghe degli enti inutili quali la provincia, si è deciso di dare a queste alcune strade, ora la Nettunense si chiama sp 207, ma la burocrazia non era sufficiente cosi si è deciso di istituire un altro ente regionale che gestisce le strade regionali il suo nome è Astral.
Questi passaggi burocratici non hanno migliorato le condizioni della strada, anzi hanno fatto decadere il provvedimento firmato dal Prefetto Del Mese nel 2003 il quale permetteva alle forze dell’ordine di utilizzare l’autovelox senza l’obbligo di contestazione immediata.
Il Prefetto aveva stilato una lista di strade molto pericolose, per l’ex Prefetto La Nettunense è tra le strade più a rischio, per la velocità e la difficoltà di contestazione.
Nel provvedimento s’indicavano le strade ma anche il tratto di strada più pericoloso.
Nella zona dei Castelli Romani era indicata la Via Dei Laghi dal km 0 al km 3,4 la via Appia dal km 17 al 18, la strada provinciale Laviniense dal km 3,050 al km 4,300, la via Nettunense dal km 15,100 al km 19,300.
Il tratto della Nettunense interessato parte da Campoleone centro sino al confine del Comune  in località Bellavista.
Sul tratto di strada si notavano i cartelli che indicavano che sul tratto c’era l’autovelox senza l’obbligo di fermata, quindi ad esempio, il Comune di Lanuvio ha speso i soldi per installarli e poi per toglierli, senza che quel tratto di strada sia stato migliorato dall’Astral, anzi nel frattempo si sono registrati altri morti su quel tratto di strada: nel 2008 il 29 agosto al km 17, il 26 marzo, e il 18 febbraio, senza contare i continui incidenti con feriti oppure con la rottura delle auto.
La beffa è per le forze dell’ordine specialmente Vigili Urbani che sono obbligati per fare il servizio all’utilizzo della doppia auto pattuglia, in una è installato l’autovelox mobile e più avanti c’è l’auto che ferma.
Si parla di mancanza di carburante e di uomini, come fanno  i Comuni e le forze dell’ordine a dispiegare tali forze, quando riescono appena a far girare una vettura?La burocrazia è inutile, da una parte un prefetto che ne dichiara la pericolosità indicandone anche il km esatto, dall’altra parte l’Ente gestore non spende un euro per migliorare quel [...]

Leggi tutto l'articolo