Nightwish - Song Of Myself (Lyrics)

L'usignolo è ancora chiuso in gabbia Il mio respiro avvelena ancora i miei polmoni Una vecchia quercia mi ripara dal blu Prendendo il sole sulle sue vecchie foglie ghiacciate Un pisolino nella città fantasma del mio cuore Lei sogna l'ora delle favole e i fantasmi del fiume Le Sirene, Whitman e il viaggio Arlecchini vaneggianti, giochi giganteschi Una canzone su di me una canzone del bisogno Di una coraggiosa sinfonia Un verso su di me un verso del bisogno Di un cuore puro che mi canti alla pace Tutto quel gran cuore giace silenzioso e muore lentamente Tutto quel gran cuore giace silenzioso sull'ala di un angelo Tutto quel gran cuore giace silenzioso In silente sofferenza Sorridendo come un clown finchè lo spettacolo non è finito Ciò che rimane per il bis E' la solita vecchia canzone del ragazzo morto Cantata in silenzio Tutto quel gran cuore giace silenzioso e muore lentamente Tutto quel gran cuore giace silenzioso sull'ala di un angelo Un volo di mezzanotte a Covington Woods Una principessa e un pittore vicino a me Questi sono i territori per cui vivo Darei ancora il mio tutto per amarti di più Una sinfonia silenziosa Una vuota opera numero 1,2,3 A volte il cielo è di un nero pianoforte Nero pianoforte sopra acque purificanti Cornamuse a riposo, verso di noia Chiavi che arrugginiscono senza una porta A volte il cielo è di un nero pianoforte Nero pianoforte sopra acque purificanti Tutto quel gran cuore giace silenzioso e muore lentamente Tutto quel gran cuore giace silenzioso sull'ala di un angelo Vedo un lento, semplice giovane in una strada trafficata con una ciotolina per la carità nella sua mano tremante.
Prova a sorridere ma soffre infinitamente.
Nessuno lo nota.
Io sì, ma vado via.
Un vecchio si spoglia e bacia il suo manichino nel suo attico C'è mezza luce e piange.
Quando finalmente viene dai suoi occhi scorrono fiumi di lacrime.
Vedo un cane bastonato in una strada puzzolente.
Prova a mordemi.
Ogni orgoglio ha lasciato i suoi occhi selvaggi.
Vorrei avere una gamba di scorta.
Una madre visita suo figlio, gli sorride attraverso le sbarre.
Non l'ha mai amato di più.
Una ragazza obesa entra con me in ascensore.
Vestita tutta alla moda, una farfalla verde sul collo.
Un profumo terribilmente dolce mi assorda.
Andrà a cenare da sola.
Ciò la rende ancora più bellal.
Vedo il viso di una modella su un muro di mattoni Una statua di perfetta porcellana accanto a un violento omicido di città Una città che predica la carne.
La prima cosa che abbia mai sentito fu un vagabondo che raccontava la sua storia Fosti [...]

Leggi tutto l'articolo