Non ci sono soprese nella politica

Dopo Lega 2.0 riparte anche Forza Italia I partiti più alle prese con i messaggi video o via web piuttosto che passare dalle piazza.
Ennesimo video messaggio di Berlusconi.
Forse i partiti pensano che i cittadini abbiano poca memoria Ma dopo i tormentoni sui tagli della politica in Regione Lombardia salta il piano delle abolizioni delle province Ma una critica severa all'interno degli stessi partiti sta prendendo il sopravvento....
(tratto da l'indipendente - Gianluca Cirignoni capogruppo LN Umbria) Lega 2.0 - Regina del web e cenerentola delle piazze La vittoria in Lombardia e’ stata l’unica della segreteria Maroni, per il resto e’ stato un fallimento su tutta la linea,  testimoniato dai disastrosi risultati elettorali e segnato da un estenuante e deleterio  tiraemolla  del governatore “segretario dimissionario” sulla guida della Lega che speriamo si concluda presto con un congresso.
Anche nei confronti dei militanti umbri ed in generale dei problemi della nostra regione la segreteria dimissionaria ha dimostrato il piu’ totale disinteresse e menefreghismo tant e’ che il segretario federale, nonostante le pressanti e ripetute richieste del movimento sempre in prima linea per difendere gli umbri e risolverne i problemi,  e’ comparso in Umbria solo in incognito e a titolo personale per gustarsi Umbria jazz.  Sotto la sua guida la Lega e’ riuscita a dilapidare quel patrimonio di coerenza che era uno dei suoi elementi distintivi, da ricordare negativamente il voto a Napolitano, l’ astensione al governo Letta, la  partecipazne alla farsa dei “saggi del presidente”, il suo particolare rapporto con la Calabria che ha portato all elezione nelle file del movimemto di un ex udeur recentemente subentrato in Senato ad un assessore regionale lombardo, l’assunzione di una dirigente della Regione Calabria al vertice della direzione trasporti e infrastrutture della Lombardia, l’invito agli stati generali del Nord del governatore di una delle regioni peggio amministrate d’Italia presa sempre giustamente  da esempio negativo da quella Lega coerente e di lotta che Maroni ha disperso.
Il progetto stesso di macroregione, cavallo di battaglia della sua segreteria, e’ stato ed e’  gestito in maniera talmente maldestra e approssimativa che nessuno lo ha capito né tra i dirigenti – molti continuano a confondere macroregione ed euroregione – né tantomeno tra i militanti e i cittadini.
Il movimento deve tornare a puntare sulla battaglie storiche per la Padania e il  federalismo [...]

Leggi tutto l'articolo